20710399 - STORIA DELLE CULTURE ALIMENTARI

L'insegnamento di Storia delle culture alimentari rientra nelle attività formative libere delle discipline storiche del Corso di Laurea in DAMS. Il Corso di Laurea mira a offrire un'ampia formazione umanistica, accompagnata da strumenti metodologici, critici e professionali legati ai settori del teatro, del cinema, della televisione, dei media digitali, della musica, della danza e delle arti figurative. Il Corso di laurea sviluppa inoltre competenze utili nel campo dell'organizzazione di eventi culturali e dello spettacolo dal vivo, del cinema e dell'audiovisivo. Nell'ambito di questo percorso formativo l'insegnamento si propone: di introdurre gli studenti ai fondamenti scientifici e metodologici della storia culturale (culture materiali e immateriali); di approfondire i principali processi storici di formazione delle culture alimentari in età contemporanea; di sviluppare una attitudine critica nell'analisi e nell'interpretazione delle fonti storiche; di dotare gli studenti di un patrimonio lessicale e concettuale adeguato. L'insegnamento mira a fornire conoscenze e competenze storiche orientate a sviluppare capacità di contestualizzazione, abilità comunicativa e autonomia di giudizio coerenti con gli obiettivi formativi del Corso di studio.

MONINA GIANCARLO

scheda docente | materiale didattico

Fruizione: 20402462 STORIA DELLE CULTURE ALIMENTARI in Scienze e Culture Enogastronomiche L-26 N0 MONINA GIANCARLO

Programma

AVVISO: LE LEZIONI DEL SECONDO SEMESTRE SI SVOLGERANNO IN MODALITA' A DISTANZA. PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA MOODLE DI RIFERIMENTO: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85

A partire da un quadro indicativo degli aspetti teorici e metodologici della storia delle culture alimentari, il corso intende orientare gli studenti sui fattori culturali e sociali che hanno segnato l’immaginario e l’uso del cibo nell’età contemporanea.
La prima parte del corso (6 ore) introduce gli studenti agli aspetti teorici e metodologici della storia culturale e della storia delle culture materiali. La seconda parte del corso (6 ore) affronta i cambiamenti storici di lungo periodo dell’agricoltura in età contemporanea. La terza parte del corso (18 ore) si concentra sulla storia della cultura alimentare italiana con particolare riferimento alle culture alimentari mediterranee. La quarta parte del corso (6 ore) propone tre approfondimenti sulle relazioni culturali tra cibo e società: cibo e ambiente, cibo e diseguaglianze, cibo e religioni.


Testi Adottati

AVVISO: PER CHI FREQUENTA LE LEZIONI A DISTANZA, PER I TESTI DA ADOTTARE VEDI: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85

Alberto Capatti e Massimo Montanari, La cucina italiana. Storia di una cultura, Roma-Bari, Laterza 2017, 424 p., € 14,00.
Un libro a scelta tra:
Cibo, a cura di Ester Fano, Nora McKeon e Giancarlo Monina, numero monografico di “Parolechiave”, 58, dicembre 2017, 240 p., € 22,00.
Massimo Montanari, Il cibo come cultura, Roma-Bari, Laterza, 2017, 186 p., € 10,00
Saggi a scelta (minimo 3) da Storia d’Italia, Annali 13, L’alimentazione, Torino, Einaudi, 1998 (in biblioteca)


Modalità Erogazione

AVVISO: LE LEZIONI DEL SECONDO SEMESTRE SI SVOLGERANNO IN MODALITA' A DISTANZA. PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA MOODLE DI RIFERIMENTO: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85 Il corso si svolgerà nella forma tradizionale della lezione frontale. Nel corso delle lezioni, gli studenti saranno chiamati a confrontare i temi trattati con la loro esperienza personale.

Modalità Frequenza

La frequenza è fortemente consigliata.

Modalità Valutazione

La prova orale ha come oggetto i principali temi trattati nei libri di testo. Per gli studenti frequentanti si fa particolare riferimento ai contenuti delle lezioni.

MONINA GIANCARLO

scheda docente | materiale didattico

Fruizione: 20402462 STORIA DELLE CULTURE ALIMENTARI in Scienze e Culture Enogastronomiche L-26 N0 MONINA GIANCARLO

Programma

AVVISO: LE LEZIONI DEL SECONDO SEMESTRE SI SVOLGERANNO IN MODALITA' A DISTANZA. PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA MOODLE DI RIFERIMENTO: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85

A partire da un quadro indicativo degli aspetti teorici e metodologici della storia delle culture alimentari, il corso intende orientare gli studenti sui fattori culturali e sociali che hanno segnato l’immaginario e l’uso del cibo nell’età contemporanea.
La prima parte del corso (6 ore) introduce gli studenti agli aspetti teorici e metodologici della storia culturale e della storia delle culture materiali. La seconda parte del corso (6 ore) affronta i cambiamenti storici di lungo periodo dell’agricoltura in età contemporanea. La terza parte del corso (18 ore) si concentra sulla storia della cultura alimentare italiana con particolare riferimento alle culture alimentari mediterranee. La quarta parte del corso (6 ore) propone tre approfondimenti sulle relazioni culturali tra cibo e società: cibo e ambiente, cibo e diseguaglianze, cibo e religioni.


Testi Adottati

AVVISO: PER CHI FREQUENTA LE LEZIONI A DISTANZA, PER I TESTI DA ADOTTARE VEDI: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85

Alberto Capatti e Massimo Montanari, La cucina italiana. Storia di una cultura, Roma-Bari, Laterza 2017, 424 p., € 14,00.
Un libro a scelta tra:
Cibo, a cura di Ester Fano, Nora McKeon e Giancarlo Monina, numero monografico di “Parolechiave”, 58, dicembre 2017, 240 p., € 22,00.
Massimo Montanari, Il cibo come cultura, Roma-Bari, Laterza, 2017, 186 p., € 10,00
Saggi a scelta (minimo 3) da Storia d’Italia, Annali 13, L’alimentazione, Torino, Einaudi, 1998 (in biblioteca)


Modalità Erogazione

AVVISO: LE LEZIONI DEL SECONDO SEMESTRE SI SVOLGERANNO IN MODALITA' A DISTANZA. PER L'ACCESSO ALLA PIATTAFORMA MOODLE DI RIFERIMENTO: https://scienze.el.uniroma3.it/course/view.php?id=85 Il corso si svolgerà nella forma tradizionale della lezione frontale. Nel corso delle lezioni, gli studenti saranno chiamati a confrontare i temi trattati con la loro esperienza personale.

Modalità Frequenza

La frequenza è fortemente consigliata.

Modalità Valutazione

La prova orale ha come oggetto i principali temi trattati nei libri di testo. Per gli studenti frequentanti si fa particolare riferimento ai contenuti delle lezioni.